Il Challenge Riccione 2022

Finalmente torno in riviera adriatica a gareggiare, ricordo ancora il mio primo triathlon di media distanza sempre qui ma a Rimini. A Riccione arrivo con alcuni anni di esperienza e con una buona base di allenamenti per cui abbastanza tranquillo.

Quest’anno il percorso bike è molto diverso, sarà abbastanza piatto tolto uno strappo da fare sia in andata che in ritorno per 3 volte in quanto si tratta di 3 giri da 28 km.

La giornata comincia con un meteo favorevole a dispetto di quello che erano le previsioni, il mare Adriatico è piatto come una tavola ma devo dire che è fredda l’acqua. Si parte bene in batterie e devo dire che anche essendo fredda l’acqua non mi faccio prendere dal panico e nuoto sempre tranquillo (forse anche troppo) del mio passo, esco dal nuoto dopo 47 minuti e pensavo di metterci almeno 5 minuti in meno.

Frazione bici al Challenge Riccione

In zona cambio tutto bene parto per la frazione bici che ho visto solo su Strava per cui il primo giro lo prendo tranquillo per conoscere buche e curve e non incorrere in incidenti. Ho una tabella da rispettare per alimentazione e idratazione e cerco di fare tutto come si deve. Dovrebbe piovere qualche goccia verso la fine della bici e devo dire con mi dispiacerebbe, peccato che non sarà così.

Finisco la bici in circa 3 ore o qualcosa in meno e sono felice, non mi resta che correre una mezza maratona e sarà fatta. Parto bene e sono anche abbastanza contento di come mi sento ma dopo circa 8 km incomincio ad avere problemi, crampi al vasto mediale che mi fanno rallentare ma non fermare e decido di prendere acqua e sali ad ogni giro.

Frazione corsa del Challenge Riccione.

Chiudo la gara con un dignitoso per me 5h 47′ che cercherò di migliorare magari il prossimo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.