L’intervista con Valeria Straneo

Valeria Straneo, nata ad Alessandria il 05/04/1976 è una delle atlete di punta del running italiano. Vanta un primato di 2h23’44” in maratona ottenuto a Rotterdam 2012, ha gentilmente risposto ad alcune domande che le ho posto per darci qualche informazione in più e qualche consiglio sulla corsa.

Valeria Straneo (foto: Colombo/Fidal)

D: Cos’è per te la corsa?

R: Una passione, una valvola di sfogo, un momento tutto per me.

D: Ti ispiri a qualcuno?

R: Non mi viene in mente nessuno.

D: Cambieresti qualcosa della tua carriera? Cosa?

R: Vorrei aver iniziato molto prima a fare sul serio!

D: Quante ore ti alleni al giorno?

R: Nei periodi di carico corro circa 160 km a settimana, 10/11 sedute. Non saprei quantificare le ore.

D: Quali corridori ammiri di più in questo momento?

R: Eliud Kipchoge

D: Mi racconti un aneddoto particolare di una gara?

R: Ce ne sarebbero diversi! Anni fa, proprio durante le mie prime gare, ricordo che feci il riscaldamento, andai in bagno in mezzo ai boschi ma andai un po’ troppo lontano…in pratica arrivai in ritardo alla partenza, arrivai proprio quando stavano sparando per dare lo start! Che ansia! Partii per ultima e i primi km li corsi cercando di raggiungere le prime ragazze. Alla fine arrivai 3ª e da allora sto ben attenta a non andare in bagno all’ultimo momento!!

D: Cosa puoi consigliare a chi vuole iniziare questo sport?

R: Di partire sempre per gradi in modo da abituare il fisico a sopportare gli adattamenti necessari. Di non mollare se all’inizio si fa molta fatica e di cercare di avere molta costanza perché nel giro di poche settimane si farà molta meno fatica e ci si sentirà alla grande!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *