Tacatì il supermercato per la spesa km0

Spesa km 0 con Tacatì e FradepoChe cosa vuol dire Tacatì? Per chi non è piemontese potrebbe sembrare un termine come un altro, invece ha una doppia traduzione in italiano, si può tradurre in “vicino a te” oppure in “comincia tu”, però stando ai ragazzi di questa Startup il significato è “vicino a te” che va a dare un senso al loro motto riguardante la spesa a km 0.

Avete capito bene, la spesa a km 0, ovvero quello di cui tanto si parla, quello che viene accostato alla “filiera corta”, i due ragazzi astigiani Stefano Cravero e Giulia Valente sono riusciti a mettere in piedi un modello di spesa km 0 in versione web 2.0, con l’aiuto dell’incubatore Treatabit hanno lavorato, cercato e messo insieme tutti i tasselli di questo progetto.

Per ora è disponibile per le provincie di Asti e Torino, dove effettuano le consegne a domicilio o sul posto di lavoro, mentre a Torino si appoggiano a dei punti di ritiro convenzionati e qui entra in ballo il mio magazzino conto terzi dove ho messo a disposizione una stanza degli uffici tutta per Tacatì, attrezzata con un frigorifero per i prodotti più deperibili.

Fino ad ora non conoscevate questo tipo di spesa? Ecco il momento giusto per approfittarne ed iscriversi su Tacatì ed ordinare e se sei residente nella zona Torino Nord Ovest puoi ritirare presso il mio magazzino quando esci da lavoro la sera o durante la pausa pranzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *