Mezza maratona dell 2 perle 2018

Analisi di una gara che mi aspettavo in un modo ed è uscita fuori in un altro. Per carità l’ho portata a casa dignitosamente ma c’è una grande differenza tra centrare un obiettivo e portare a casa la gara con un buon risultato.

Partiamo dall’analisi degli allenamenti di questi ultime settimane, e vedo subito che tra impegni di lavoro, malanni vari e problemi con altre cose le sessioni di allenamento sono state poche ma consapevole di arrivare dalla corsa e sulla scia della buona prestazione portata a casa da Firenze mi sono convinto di poter portare a casa il personale in questa gara.

Arrivo alla partenza più tardi di ciò che avevo previsto e mi scaldo per 5 minuti scarsi, la temperatura è freschina e per fortuna ha smesso di piovigginare per cui riusciamo a correre una gara asciutta. Arrivano le 9 e partiamo, cerco di impostarmi sul ritmo di 5’/km  così da riuscire a fare la gara come lo scorso anno a Barcellona, purtroppo però capisco che sto facendo uno sbaglio però voglio essere fidusioso di non esagerare e sistemare nei km successivi. Altro errore perchè così facendo ho dimostrato di non conoscermi oppure di conoscermi e fregarmene di ciò che penso, fatto sta che continuo tutto il primo giro a correre ad un ritmo che pensavo di avere.

Dopo il primo giro continuo ancora a stare vicino ai 5’/km fino al 13imo kmpoi gli ultimi saliscendi verso Portofino incominciano ad annebbiarmi i pensieri e a farmi rendere conto che forse quell’obiettivo di 1h 43′ che mi ero promesso è un pò troppo pretenzioso. A Portofino giro e arranco vedo i miei compagni di squadra che si allontanano e mi fermo a prendere un the al ristoro pensando di recuperare nell’ultimo giro di ritorno che dovrebbe essere più favorevole in quanto un pò più in discesa rispetto al giro di andata.

Arrivo al 17imo km e niente i tempi salgono intorno ai 5’25″/km ed anche oltre ed in alcuni momenti mi viene voglia anche di mollare e di camminare per un pò, poi almeno un pò di decenza nell’intelletto l’ho avuta ed ho corso fino alla fine terminando con un 1h50′ scarso.

Beh alla fine un bell’esame di coscienza e capisco che se ti alleni porti a casa risultati altrimenti ciccia, e come ha detto il mio coach ora “orecchie basse e lavorare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *