Giro del lago d’Orta 2018

Anche quest’anno mi sono iscritto a questa gara di 24 km che è per metà corsa trail e per metà corsa su strada, la differenza di quest’anno è la partenza che avverrà da Pella senza il trasferimento in battello da Orta.

Siamo arrivati ancora prima che iniziassero a dare i pettorali ovvero alle 7,30 con partenza fissata alle 9,30 per cui cazzeggiamo come siamo soliti fare prima delle gare. Tutti belli bardati e coperti attendiamo la partenza sul piazzale dove arricano i battelli e per fortuna c’è il sole e riusciamo a scaldarci.

Si parte e siamo un bel gruppetto di runners da tutto il Piemonte e Lombardia, primi km su asfalto con percorso saliscendi fino al km 4 dove alla fine di una piccola discesa svoltiamo a sinistra e ci infiliamo tra i boschi tra pietre e radici, alcuni tratti sono molto ripidi e non essendo abituato cammino mentre quando il sentiero spiana o si addolcisce riesco a correre.

Dopo il primo tratto tutto diventa corribile fino a quando arriviamo ad Omegna dove poi troviamo l’asfalto e cominciamo a correre anche se non sto benissimo e lo capisco. Mentre corro cerco di capire e darmi una speigazione e alla fine l’unica spiegazione che mi posso dare è quella che devo allenarmi più continuamente e meglio al fine di tornare nello stato di forma in cui ero prima della Maratona di Firenze 2017.

Chiudo la gara in leggera progressione come ritmo però il cronometro si ferma a 2h50′ circa che vuol dire quasi 20 minuti più dello scorso anno.

Durante il ritorno a casa penso che dovrò lavorare meglio sulla corsa se alla mezza maratona delle 2 Perle voglio limare 2 minuti dal mio personale.

PS durante il viaggio di ritorno ho ricevuto anche la mail per compilare la mia candidatura come #AsicsFrontrunner che ho compilato, ed ora incrocio le dita.

giro del lago d'Orta 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *